Arresto di Cusani, il vicesindaco (indagato): “Certi dell’onestà del sindaco”

Arresto di Cusani, il vicesindaco (indagato): “Certi dell’onestà del sindaco”
Arresto di Cusani, il vicesindaco (indagato): “Certi dell’onestà del sindaco”

Giovedì 19 gennaio 2017

di Mirko Macaro

Dopo gli arresti all’alba di lunedì nell’ambito dell’operazione “Tiberio” per presunti appalti pilotati e sospetta corruzione, incassate le stilettate delle forze d’opposizione, dal Municipio sperlongano rompono il mutismo iniziale: l’amministrazione comunale appena “decapitata” del sindaco Armando Cusani, tra i principali destinatari delle ordinanze cautelari, c’è e va avanti. Nelle intenzioni, la barca continuerà a veleggiare sicura. Nessun dietrofront rispetto ai mesi scorsi, quelli dell’ultimo plebiscito popolare a sancire la vittoria alle comunali della compagine espressione di Forza Italia, al dominio da un ventennio. Ed un’ulteriore sottolineatura. Forte e decisa: la sua squadra è certa “della limpidezza e dell’onestà” di Cusani. Sottolineature che arrivano per bocca del vicesindaco Francescantonio Faiola, pure lui indagato nella “Tiberio”, sebbene, a differenza di altri, con contestazioni marginali.

Una Sperlonga “unita, ancora più di prima”, quella tratteggiata dall’attuale numero due del Comune a margine del terremoto che ha portato anche all’arresto dell’attuale dirigente dell’ufficio tecnico e del suo predecessore. “Certo, le vicende degli ultimi giorni hanno scosso tutti e, comprensibilmente anche gli amministratori comunali”ha detto Faiola. “Ma la macchina amministrativa non ha spento i motori né li ha messi in folle. Ho avuto modo di tastare i sentimenti e le volontà di ciascuno di loro. Tutti, nessuno escluso, hanno dimostrato grinta, forza e desiderio di continuare il lavoro iniziato non dal giugno 2016, bensì venti anni fa dal nostro sindaco Armando CusaniI frutti del suo costante impegno sono attorno a noi, apprezzati in tutto il mondo. E può, deve ancora crescere”.

Intanto, mentre ieri si sono tenuti i primi interrogatori, si andrà avanti con l’impegno degli altri. “Tutti i collaboratori dell’amministrazione, consiglieri, assessori e delegati, stanno dimostrando un grande senso di responsabilità nei confronti del loro ruolo e della volontà dei cittadini espressa lo scorso giugno. Lo fanno individualmente ma grazie anche ad un grande spirito di squadra, costruito nel tempo e che si sta confermando in questi giorni, umanamente difficili”.

Primi sodali del due volte presidente della Provincia e tre volte sindaco, Faiola e i restanti componenti del gruppo forzista che ruota attorno alla civica “Lista Cusani” hanno una convinzione: la loro guida saprà rialzarsi prontamente, dimostrando d’essere estranea ad ogni contestazione.La stessa linea del consigliere regionale (ed amico) Giuseppe Simeone.

La Giustizia dovrà fare il suo corso, accerterà eventuali responsabilità e nel caso prenderà provvedimenti”, ha evidenziato il vicesindaco Faiola. “Noi siamo certi della limpidezza e dell’onestà del nostro sindaco, valori che ci ha trasmesso quotidianamente, con le parole e con l’esempio. Per questo siamo sicuri che le istituzioni preposte lo confermeranno, ne abbiamo piena fiducia. Sperlonga nel frattempo continuerà a navigare sicura e solida, verso gli obbiettivi che questa squadra si è prefissa. La nave non affonda”.

fonte:www.h24notizie.com

 

Archivi