Arresti e sequestri a Formia.DIA in azione .L’apparato investigativo locale é inadeguato e bisogna rivedere tutto l’impianto. Analogie anche con la provincia di Isernia nel Molise.

Associazione Nazionale  per la lotta contro le illegalità e le mafie 

“Antonino Caponnetto”

www.comitato-antimafia-lt.org                                 info@comitato-antimafia-lt.org

                                                                                   tel 3470515527

 

 

 

               COMUNICATO       STAMPA 

 

 

Oggi altre due importanti operazioni della  DIA  di Roma e tutte e due che hanno riguardato il sud pontino e,in particolare,Formia.

Arresti di appartenenti al clan Mallardo e sequestri di  oltre  20 milioni di beni  a soggetto  di Formia sospettato di  vicinanza ai Casalesi.

Quando diciamo che  il sud pontino é nelle mani  di camorra ed ndrangheta  e ciò per colpa  di vasti settori della politica e delle istituzioni   locali che in parte sono rimaste inerti  ed in altra parte  sono state  conniventi come hanno dimostrato le inchieste giudiziarie “Formia Connection” e “Damasco”.

Stiamo denunciando da anni l’inadeguatezza  e l’impreparazione  di tutto l’apparato investigativo e giudiziario pontino come  pure non vediamo  quella  vivacità di azione che ci saremmo aspettati  da parte della Procura di Cassino che pur ci siamo battuti  per non farla sopprimere  proprio perché la consideravamo un avamposto nella lotta alla camorra.

Dobbiamo,purtroppo,manifestare la nostra delusione  mista a tanta,tanta amarezza,così come abbiamo dichiarato proprio l’altro giorno  in un’intervista a  Repubblica.it che abbiamo  pubblicato anche sul nostro sito e sulle nostre pagine facebook.

Ma tale  situazione é resa ancor più grave  dal fatto che anche nelle vicine province di Frosinone e di Isernia,quest’ultima nel Molise,non abbiamo realtà diverse  da quella che lamentiamo in provincia di Latina.

E’,quindi,tutta l’area che gravita fra Roma e Napoli che merita un’attenzione particolare e una revisione radicale degli apparati dello Stato  in quanto é l’area che presenta le maggiori criticità sul versante di un’efficace lotta alle mafie  che ormai stradominano in  tutti gli ambienti  ed in tutti i settori,da quello economico a quello politico ed istituzionale.

E bisogna farlo subito,immediatamente,prima che tutto diventi irreversibile .

 

                                      IL SEGRETARIO NAZIONALE

                                           Dr.Elvio Di Cesare 

Archivi