Arrestato dirigente di Farmacap

Roma, turbativa d’asta e falso in concorso: arrestato dirigente di Farmacap

di Adelaide Pierucci
Dopo gli scandali Ama, Atac, tocca a un’altra partecipata del Comune, la Farmacap, la società che gestisce le 47 farmacie comunali e su convenzione alcuni asili nido. Da stamattina è finito agli arresti domiciliari per turbativa d’asta e falso il commissario straordinario Francesco Alvaro, nominato dal sindaco Ignazio Marino per tre mesi con una proroga divenuta permanente. Il commissario avrebbe favorito con un appalto su misura l’imprenditore Giuseppe Giordano a capo dell’Ati Dragona Servizi per l’affidamento di tre immobili di cui per la gestione di un asilo nido di via Marco Enrico Bossi. Un appalto giudicato da 36mila euro, sottostimato secondo il pm Nadia Plastina e gli investigatori del Nas, per evitare le procedure ad evidenza pubblica. Plurimi gli illeciti contestati al commissario straordinario che dalle intercettazione avrebbe avuto un rapporto confidenziale con l imprenditore ora sottoposto alla misura dell obbligo di firma.
La convenzione tra il Campidoglio e la Farmacap per la gestione dell’asilo finito nel mirino dell’indagine era scaduta nel 2015 e la Farmacap non aveva alcun titolo per indire un appalto. Per di più il commissario non avrebbe potuto comunque (viste le sue limitate funzioni stabilite per legge) procedere all’appalto anche in presenza di una convenzione. Da qui l’ accusa del falso. La convenzione infatti con il Comune è stata firmata in un secondo momento, ad appalto assegnato, proprio per coprire le irregolarità. Il commissario finito in manette aveva giustificato coi magistrati  l’appalto per la disastrosa situazione economica dell asilo, non confermata a quanto pare dall’indagine. L’inchiesta nasce da una denuncia interna del direttore generale di Farmacap, e potrebbe portare a ulteriori sviluppi di indagine.
Archivi