Ancora sul “caso Sabaudia “: e degli altri comuni ed enti perché nessuno parla per chiedere la nomina di Commissioni di accesso?

ANCORA SUL “ CASO DI MAIO” A SABAUDIA…

Ancora sul “caso Di Maio” a Sabaudia.

Un “caso” scoppiato… solo dopo l’intervento della DDA di Napoli.

Prima nessuno sapeva o faceva finta di sapere…

Eppure le prime avvisaglie c’erano state quando fu approvata la variante in località Due Fosse a Borgo Vodice, quando la maggioranza, nessuno escluso, la approvò trasmettendola per l’approvazione definitiva alla Regione Lazio.

Noi fummo interessati al caso ed intervenimmo raccomandando la massima cautela ai governanti di allora.

Fummo attaccati sulla stampa in maniera durissima da taluni soggetti locali che ci accusarono di… far perdere centinaia di posti di lavoro alla gente del posto.

Di alcuni tentativi di avvicinamento di cui fummo vittime ne informammo l’allora Capo della Squadra Mobile Dr. Ciccimarra e il Comandante Provinciale dei Carabinieri Col. Rotondi.

La Regione Lazio, governata dal centrosinistra, benché avvertita, approvò la variante e solamente dopo essa provvide a revocare la delibera in autotutela.

Tutto il resto è cronaca di questi ultimi tempi.

Ma la domanda che viene spontanea è:

dove erano tutti questi signori che solo ora, dopo che è intervenuta la DDA, si agitano per la situazione creatasi.

Non prendiamoci in giro.

Se non ci fossero stati tali interventi della Magistratura antimafia, se non ci fossero stati i sequestri, per quanto tempo ancora sarebbe andata avanti questa storia di cui tutti erano a conoscenza???

Ed ancora: tutti questi paladini… della legalità perché tacciono di fronte a “casi” altrettanto allarmanti quali sono quelli emersi a Minturno – dove un consigliere alla Regione Lazio è andato a finire in manette – o a Formia, con la “Formia Connection”, dove, nelle intercettazioni telefoniche fatte dalla Polizia di Stato, risultano nomi eccellenti che ricoprono, peraltro, cariche istituzionali importanti a vari livelli?

Non è il caso di chiedere al Ministro dell’Interno la nomina di varie Commissioni di accesso per verificare se ci sono stati condizionamenti di tutti gli Enti in cui questi personaggi siedono?

Possibile che i vari Veltroni, Garavini, Pedica e quanti altri non siano informati di tali fatti???

Archivi