Anche la seconda asta dell’Hotel Mirasole è andata deserta. L’indifferenza e l’inerzia delle Autorità, del Sindaco e dei cittadini di Gaeta

ANCHE LA SECONDA ASTA DELL’HOTEL MIRASOLE DI GAETA E’ ANDATA DESERTA. ORA SCATTA L’ALLARME ROSSO, MA I CITTADINI, IL SINDACO E LE AUTORITA’ TUTTE NON SI PREOCCUPANO DEL PERICOLO CHE ANCHE QUESTO IMPORTANTE PEZZO DELL’ECONOMIA PONTINA CADA NELLE MANI DELLA CAMORRA… QUANTI BLA BLA IN TEMA DI LOTTA ALLA CRIMINALITA’ ORGANIZZATA!

Anche la seconda asta per la vendita dell’hotel Mirasole è andata deserta.

Molti aspettano evidentemente che il prezzo diminuisca.

Noi stiamo seguendo con particolare attenzione questa vicenda per evitare che anche questo pezzo importante dell’economia pontina cada nelle mani della camorra.

Gaeta ha già 21 beni confiscati alle mafie e non vogliamo che la camorra occupi definitivamente il territorio.

Abbiamo terminato nelle settimane andate una profonda opera di monitoraggio in un centro non lontano ed abbiamo avuto conferma della gravità della situazione. Abbiamo, perciò, attivato tutti gli strumenti possibili per evitare che essa si aggravi ancora di più.

Quello che ci stupiscono di più sono il silenzio e l’indifferenza sia del Sindaco che dei cittadini di Gaeta.

A quest’ora un tessuto civile serio avrebbe dovuto reagire e mettere in atto tutti gli strumenti necessari per respingere l’attacco della camorra. Cordate di imprenditori locali, un sistema creditizio più avveduto e lungimirante: tutte iniziative, queste, che potrebbero evitare che personaggi campani dalla dubbia moralità e con soldi dalla dubbia provenienza mettano le mani sul più importante ed antico albergo di Gaeta.

Questo, purtroppo, non è avvenuto finora.

Ora aspettiamo un passo serio del Sindaco di Gaeta, un amministratore che da troppo tempo va sostenendo di voler combattere la camorra, ma che, in effetti, finora non ha fatto alcunché.

Egli intervenga presso le banche, stimoli gli operatori locali a costituire una cordata che sia in grado di rilevare questo importante albergo del Golfo.

Ass. A. Caponnetto

Archivi