.”Altro” ed “Alto”,il motto dell’Associazione Caponnetto !

OGNI VOLTA  CHE LEGGIAMO NOTIZIE DEL GENERE E’ COME SE RICEVESSIMO UN PUGNO IN FACCIA

 

Quanta sofferenza!!!!!!

Tanti sacrifici,tante paure,tanti pericoli che ci vediamo costretti ad affrontare ogni minuto,tanti soldi cacciati di tasca nostra e sottratti alle nostre famiglie e basta un fatto del genere che per distruggerti tutto in un  secondo.

La gente è portata subito a generalizzare facendo di tutt’erba un unico fascio,senza saper distinguere il grano dal loglio.

Che umiliazione  subiamo quando sentiamo un magistrato  bravo ed equilibrato che  dice a noi tutti: “state attenti quando accogliete  le persone nelle associazioni antimafia”!!!!

Noi dell’Associazione Caponnetto siamo rigorosi nell’accoglimento delle richieste di adesione e cerchiamo  in tutti i modi di  contrastare le infiltrazioni di gente sospetta.

Non solo! Ma il nostro modo di fare antimafia,basato tutto sull’INDAGINE e SULLA DENUNCIA ,nomi e cognomi,rappresenta un forte deterrente per tutti coloro che  hanno dell’antimafia un concetto meramente accademico e parolaio.

Persone del genere non ci interessano perché noi abbiamo piena consapevolezza della gravità della situazione in cui stanno i nostri territori letteralmente invasi dalle organizzazioni criminali e l’antimafia parolaia é fuori dai nostri schemi.

Servono ” COMBATTENTI”,gente che ti segnala,persone che non hanno paura,che non considerano l’antimafia   come un distintivo da aggiungere a tanti altri sul proprio petto.

Ma un tale modo di fare antimafia,sull’INDAGINE e   sulla DENUNCIA ripetiamo,ha un duplice effetto:

– scoraggia parolai,affaristi,opportunisti e quaquaraquà a venire nella Caponnetto e quindi seleziona automaticamente il personale facendo venire solamente le persone serie,coraggiose  e ricche di senso civico ,quelle amanti del bene comune;

– impedisce l’ingresso di soggetti legati  alla criminalità organizzata in quanto questi non denuncerebbero  mai i loro sodali e,quindi,verrebbero subito scoperti e cacciati.

Ecco perché l’Associazione Caponnetto,che é peraltro fra le poche in Italia che rifiuta ogni contributo pubblico per difendere la sua autonomia da tutto e da tutti,è “DIVERSA ” dalla maggior parte delle altre.

Non a caso il suo motto é “Altro” ed “Alto”.

Un motto che dice tutto!

 

 

 

 

giovedì 31 marzo 2016 

MAFIA: PM PRINCIPATO “FARE ATTENZIONE AD ANTIMAFIA DI FACCIATA”

 

30 marzo 2016

PALERMO (ITALPRESS) – “In questi anni abbiamo assistito a situazioni sorprendenti, come il fatto da parte di alcuni di apparire come intoccabili, benefattori della societa’ civile, e poi invece comportarsi esattamente come i mafiosi. E’ un sistema che ormai viene adottato da parecchi, l’antimafia di facciata dietro la quale si nascondono reati anche di notevole entita’”. Lo ha detto il procuratore aggiunto di Palermo, Maria Teresa Principato, in merito all’operazione antimafia dei carabinieri che nel trapanese ha portato all’arresto fra gli altri di un imprenditore antiracket, Vincenzo Artale.

“Occorre una grande professionalita’ – ha aggiunto il magistrato – per capire che sono solo aspetti esteriori, anche perche’ Artale aveva subito dei danneggiamenti ai cantieri e li aveva denunciati. Era vittima della mafia, ma al contempo colluso e si giovava delle intimidazioni di Cosa nostra per ottenere delle commesse”.

Archivi