Altre pesanti accuse di Carmine Schiavone che parla di Formia e Gaeta

Le parole pronunciate da Michele Forte in Consiglio provinciale di Latina hanno scatenato, come era prevedibile, la reazione di Carmine Schiavone, il quale ieri a Marilena Natale della Nuova Gazzetta di Caserta ha dichiarato, come riporta Latina Oggi del 16 settembre 2013, a pag.3:
“Michele Forte, già Sindaco di Formia, ha dimenticato le sue amicizie con Ernesto ed Antonio Bardellino ed Alberto Beneduce (il boss ucciso negli anni 90 nella guerra tra Muzzoni e casalesi ndc). Fu proprio lui a dare l’appoggio a Bardellino quando è scappato nel sud pontino. Lì Ernesto Bardellino è vissuto tranquillamente facendo costruzioni con tanto di concessioni edilizie rilasciate dalle amministrazioni. Non ultimo, infatti, quando Michele Forte era ancora sindaco, Bardellino era in lista per ricevere un alloggio popolare a Formia. E Michele Forte era sindaco in quel periodo. Le amministrazioni comunali di Formia non sono state mai estranee al nostro potere perché Formia e Gaeta sono provincia di Casale ed anche i rifiuti tossici, come già detto nelle altre interviste, sono stati sepolti nel sud pontino per non parlare delle navi che partivano dal porto”.
Ora spetta alle DDA far luce su tutto ed anche sul fatto che la villa confiscata a Bardellino non sia stata ancora, a quanto pare, acquisita al patrimonio comunale.

Archivi