Altra brillante operazione della DIA contro il clan Schiavone-Russo

Il blitz è scattato dopo la scoperta di estorsioni a imprenditori edili e commercianti di pellame per 50.000 euro in pochi mesi. A capo dell’organizzazione Francesco Schiavone detto Sandokan e Giuseppe Russo detto ‘ò padrino’

Blitz della Dia fin dalle prime ore del mattino. L’operazione colpisce il gruppo camorristico dell’organizzazione dei casalesi direttamente riconducibile al gruppo Schiavone-Russo, che fa capo a Francesco Schiavone detto ‘Sandokan’ e Giuseppe Russo detto ‘ò padrino’, egemone nei territori di Casal di Principe, Orta di Atella, Gricignano e Succivo. La notizia è stata diffusa dalla Direzione investigativa antimafia di Napoli.

I provvedimenti di fermo sono stati emessi dalla Dda di Napoli a seguito degli accertamenti effettuati dalla Dia napoletana su tre estorsioni compiute dal gruppo camorristico in danno di imprenditori edili e commercianti di pellame di Orta di Atella e Gricignano a cui sono state estorte somme di denaro per compessivi 50.000 euro solo nell’ultimo trimestre. Uno degli imprenditori estorti è stato sequestrato e trasportato nel bagagliaio di un’autovettura in una masseria isolata nella zona di Casal di Principe dove, al cospetto del referente del clan oggi tratto in arresto, è stato pesantemente intimidito e costretto a pagare la tangente estorsiva.

(Tratto da Repubblica)

Archivi