Alcuni elementi di riflessione che sottoponiamo agli amici componenti del Consiglio Direttivo dell’Associazione Caponnetto in vista della riunione fissata per DOMENICA 7 FEBBRAIO DALLE ORE 9:

 

1) SITUAZIONE  “TERRA DEI FUOCHI “  IN CAMPANIA :
Da “Il Mattino “ di Napoli
 

 

NAPOLI – Nella Terra dei fuochi ci si ammala e si muore di più per diverse patologie collegate in qualche modo allo smaltimento illegale dei rifiuti. «Una serie di eccessi della mortalità, dell’incidenza tumorale e dell’ospedalizzazione per diverse patologie, che ammettono fra i loro fattori di rischio accertati o sospetti l’esposizione a inquinanti emessi o rilasciati da siti di smaltimento illegale di rifiuti pericolosi e di combustione incontrollata di rifiuti sia pericolosi, sia solidi urbani», emerge dall’aggiornamento del rapporto dell’Istituto supreriore di sanità sulla situazione epidemiologica nei 55 Comuni campani, definiti dalla legge numero 6 del 2014 come Terra dei fuochi.

Premesso che i dati di incidenza sono disponili solo per alcuni comuni della Terra dei Fuochi che si trovano nella Provincia di Napoli, «si possono formulare alcune considerazioni generali – sottolinea l’Iss – Le analisi condotte sull’insieme dei comuni della Terra dei fuochi mostrano che il profilo di salute dei bambini presenta alcune criticità nel primo anno di vita: eccessi di bambini ricoverati per tutti i tumori in entrambe le province di Napoli e Caserta, ed eccesso di incidenza e di ricoverati per tumori del sistema nervoso centrale rispettivamente per la Provincia di Napoli e di Caserta». In età pediatrica e pediatrico-adolescenziale – prosegue il report – i tumori del sistema nervoso centrale sono in eccesso sia come incidenza che come numero di ricoverati nella Provincia di Napoli; nella Provincia di Caserta il dato sui ricoveri mostra un eccesso per questi tumori nelle due classi di età indagate. Le leucemie risultano in eccesso solo come numero di bambini ricoverati nella Provincia di Caserta.

«La protezione della salute infantile, in questo quadro – chiarisce l’Iss – deve necessariamente iniziare con la tutela della salute nel periodo prenatale, perseguendo l’obiettivo di garantire alle donne in gravidanza un ambiente sicuro, secondo le più recenti raccomandazioni. Va inoltre rafforzata l’attività di prevenzione rispetto ai rischi ambientali per la salute infantile, evitando esposizioni indebite dei bambini a inquinanti ambientali, con uno sforzo integrato della famiglia, della scuola e dei pediatri di libera scelta». Sulla base del quadro di salute configuratosi per l’area della Terra dei Fuochi «appare opportuno procedere con l’implementazione di percorsi di intervento, anche ispirati da approcci basati sul principio di precauzione, coerentemente con gli indirizzi raccomandati dall’Oms su questi temi – evidenzia l’Iss – A tal riguardo, di concerto con le associazioni dei medici pediatri e degli oncologi ed ematologici pediatri operanti nelle strutture pubbliche ospedaliere e territoriali, appare utile individuare percorsi di rapido accesso ai servizi sanitari e all’implementazione di azioni specifiche volte all’ottimizzazione delle procedure diagnostiche e terapeutiche per l’infanzia».

Parallelamente alla segnalazione di eccessi di rischio per le patologie infantili nell’area in studio, secondo l’Iss «appare opportuno implementare indagini analitiche di approfondimento epidemiologico, volte ad identificare le cause che hanno contributo a determinare gli eccessi evidenziati. Mentre – ricordano gli esperti – l’associazione tra disturbi respiratori nell’infanzia e l’inquinamento atmosferico è ampiamente documentata, è al momento difficoltoso individuare i fattori ambientali specificamente associati all’insorgenza dei tumori infantili. Ciò è dovuto in parte al fatto che le esposizioni rilevanti possono riguardare il genitore, il bambino nel grembo materno, o il bambino dopo la nascita, e poiché i tumori, in particolare quelli infantili, possono essere il risultato di una combinazione di cause genetiche e ambientali». «Un altro aspetto rilevante per l’area della Terra dei fuochi in relazione alla salute infantile riguarda la deprivazione socioeconomica – conclude il report dell’Iss – I bambini che vivono in zone povere sembrano essere più vulnerabili rispetto a quelli che risiedono in aree meno deprivate, perché possono cumulare diversi fattori quali malattie croniche e diete meno sane, che possono dar luogo a ulteriori effetti sinergici negativi sulla salute. I bambini che vivono in condizioni sociali avverse presentano infatti esposizioni multiple e cumulative, sono più suscettibili ad una ampia varietà di sostanze tossiche ambientali e spesso non hanno accesso a un’assistenza sanitaria di qualità per ridurre gli effetti di fattori di rischio ambientali»..”

2) PRESENZE ED ATTIVITA’ SOSPETTE  NEL SUD PONTINO  (  SPERLONGA,FONDI,ITRI,FORMIA,GAETA ECC):
Stiamo seguendo con particolare attenzione da qualche tempo  la situazione di Sperlonga in provincia di Latina.Dopo anni di  disattenzione da parte  delle autorità di quella provincia,finalmente i Carabinieri  di quella ridente cittadina  hanno avviato un’azione  investigativa a vasto raggio che  ha messo in luce una situazione alquanto  inquietante.Un’azione che ha portato al sequestro di  decine e decine di  costruzioni ,alberghi,attività  alcune delle quali di gente del posto  ed altre di  gente  venuta dalla Campania  e dai nomi  che potrebbero portarci molto lontano.
Dai giornali abbiamo appreso che  alcune persone,interrogate dai carabinieri alla presenza anche dei magistrati di Latina inquirenti,avrebbero  pagato “mazzette” a soggetti di cui avrebbero fatto anche i nomi.
Ci saremmo aspettati,ove la notizia risultasse  fondata,l’emissione immediata di ordinanze di custodia cautelare.
Cosa che ,a distanza di un anno,non é ad oggi avvenuta.
Delle due una:
o la notizia non é fondata  ed allora qualcuno avrebbe dovuto smentire la stampa che l’ha data  o c’é qualcosa che non va per il verso giusto.
La cosa  ci insospettisce  e  su di essa  stiamo tentando di raccogliere tutti gli elementi possibili di valutazione anche al fine di impostare un’azione anche a livello parlamentare.
Ciò anche perché noi  siamo sempre  impegnati a cercare di capire  il “perché”  in un recente passato – e precisamente in occasione dell’inchiesta “Damasco” su Fondi , si sono verificate delle cose che hanno portato i PM Diana De Martino e Francesco Curcio della DNA  a scrivere ,SECONDO QUANTO RIPORTATO DA “LATINA OGGI” DEL 2 SETTEMBRE 2009, IN UN ARTICOLO DAL TITOLO ” LE SVISTE SULLE COSCHE LOCALI ” : ” NELLA STRAGRANDE MAGGIORANZA DEI CASI SI E’ PROCEDUTO DA PARTE DELLE DIVERSE AUTORITA’ GIUDIZIARIE DI QUESTO DISTRETTO,RUBRICANDO LA MASSA DEI FATTI OGGETTO DI INDAGINE ,IN REALTA’ DI STAMPO MAFIOSO ,IN FATTI DI CRIMINALITA’ COMUNE”.:UN PROBLEMA GROSSO QUELLA DELLA RUBRICAZIONE DEI REATI CHE STA ALLA BASE DELL’AZIONE DI CONTRASTO ALLE MAFIE PERCHE’ SE MANCA UN COORDINAMENTO FRA LE DDA E LE PROCURE ORDINARIE E SE QUESTE ULTIME NON TRASMETTONO ALLE DDA I FASCICOLI RELATIVI AI REATI MAFIOSI ,CONSIDERANDOLI REATI COMUNI,VENGONO A CADERE MOLTI PRESUPPOSTI PER UN’EFFICACE AZIONE DI CONTRASTO ALLE MAFIE.
Non vorremmo  che  capitasse la stessa cosa verificatasi  alcuni anni fa,prima con Fondi ed ora con Sperlonga.
In ogni modo  dovremo   essere pronti noi ad informare la DDA  della situazione dell’intero territorio   in cui é collocata Sperlonga  e  ciò lo faremo,avendo raccolto  in mesi di lavoro,tutte le notizie occorrenti , subito dopo l’esame della situazione  da parte del Consiglio Direttivo.
Durante la riunione del 7 p.v. dovremo, fra l’altro,deliberare di  aprire una sede dell’Associazione Caponnetto a Palermo ed avviare la campagna di tesseramento  e della sottoscrizione del 5 x 1000 per l’anno 2016.

 

Archivi