Al Convegno di Giugliano le dichiarazioni –bomba del famoso oncologo Marfella.

 

PERSONE BRAVE,SERIE , COMPETENTI.COLTE ED INTELLIGENTI COM’E’ LA NOSTRA CARISSIMA ED AMATA RITA PENNAROLA SONO UNICHE.
UNA GIORNALISTA DI RAZZA,CON LA G MAIUSCOLA.
CHE SA,PERALTRO,COLLOCARE LE PERSONE E GLI INTERVENTI NEI CONVEGNI AL POSTO GIUSTO.
L’ALTRA SERA , A GIUGLIANO, RITA HA DATO PER L’ENNESIMA VOLTA PROVA DELLA SUA BRAVURA.
SIAMO ENTUSIASTI DI LEI IN QUANTO PERSONE DEL GENERE,SONO UNICHE PIU’ CHE RARE….

PERSONE DEL GENERE RAPPRESENTANO L’AVVENIRE,SICURO ED ESALTANTE, DELL’ASSOCIAZIONE CAPONNETTO ,UNA DELLE POCHE ASSOCIAZIONI ANTIMAFIA IN ITALIA CHE HA SEMPRE CERCATO ,PER LA SUA SERIETA’,IL SUO SPIRITO ED IL SUO STILE COMBATTIVI,PERSONE SERIE E PREPARATE E NON LA MARMAGLIA CHIASSOSA ED INTERESSATA AD ALTRE COSE CHE NON SIANO UNICAMENTE LA LOTTA ALLE MAFIE ED AL MALAFFARE .
RITA l’ALTRA SERA ,NELLA SUA INTRODUZIONE DA CONDUTTRICE ,HA PARLATO DI………..”.BOTTO FINALE”.
E “BOTTO ” C’E’ STATO CON GLI INTERVENTI, PER ULTIMI, DI DON PATRICIELLO E DEL FAMOSO ONCOLOGO MARFELLA.
E’ STATA UNA CHIUSURA DA FUOCHI D’ARTIFICIO CON LA NOTIZIA SCONVOLGENTE,DA PARTE DI QUEST’ULTIMO ,DI UN FATTO CHE ,DA SOLO,CI HA FORNITO IL QUADRO PRECISO ED ELOQUENTE, PIU’ DI TUTTI GLI ALTRI INTERVENTI, DELLA REALTA CAMPANA E NAZIONALE.
35 MILA ( TRENTACINQUEMILA ,RIPETIAMO ) CITTADINI CAMPANI HANNO SOTTOSCRITTO DENUNCE A VARIE PROCURE DELLA REGIONE PER RENDERE NOTO QUELLO CHE ERA AVVENUTO E CONTINUA AD AVVENIRE .
35.000 PERSONE.
DI QUESTE DENUNCE ,HA DETTO MARFELLA, NON SI CONOSCE LA FINE !!!!!!!!
MARFELLA E’ UNA PERSONA SERIA ED E’ CONOSCIUTA PER LA SUA SERIETA’ E LA SUA COMPETENZA PROFESSIONALE IN TUTTA ITALIA.
E’ UN COMBATTENTE ED UN PROFESSIONISTA DI FAMA ,NON UNO DEI TANTI QUAQUARAQUA’ CHE NON RARAMENTE SI TROVANO SUI PROPRI PASSI.
E’,LA SUA ,UNA NOTIZIA SCONVOLGENTE CHE CI APRE GLI OCCHI SU UNA REALTA’ CHE NON MOLTI HANNO COMPRESO IN TUTTA LA SUA PIENEZZA E NELLA SUA GRAVITA’.
TUTTI SAPEVANO,TUTTI VEDEVANO,TUTTI HANNO TACIUTO !
NON SOLO.MA QUANDO CARMINE SCHIAVONE,A POSTERIORI,HA COMINCIATO A PARLARE DICENDO FATTI E FORNENDO ANCHE NUMERI DI TARGHE DEI CAMION CHE TRASPORTAVANO RIFIUTI TOSSICI – QUEI RIFIUTI CHE STANNO PROVOCANDO MIGLIAIA DI MORTI PER CANCRO -LE SUE DICHIARAZIONI SONO STATE “SECRETATE”.
NOI DELLA CAPONNETTO ABBIAMO FATTO DELLE RICERCHE ED ABBIAMO ACCERTATO CHE ALCUNI DEI PROPRIETARI DI QUEI FAMOSI CAMION SONO DELLA PROVINCIA DI LATINA,DI ITRI IN PARTICOLARE E DI ALTRI COMUNI DEL SUD PONTINO.
ALCUNI DI ESSI HANNO AVUTO A CHE FARE CON IL PORTO DI GAETA,IL PORTO SUL QUALE STAVA INDAGANDO ANCHE ILARIA ALPI PRIMA DI ESSERE UCCISA.
ANCHE SUI NUMERI DI QUELLE TARGHE NESSUNO HA INDAGATO,MALGRADO LE NOSTRE URLA!!!!!!!!!!!!…………….
ORA SULLE NOSTRE TESTE E SULLE NOSTRE SPALLE E’ PIOMBATO L’ONERE DI UN’ALTRA DURA BATTAGLIA.
GRAZIE A RITA, ALLA QUALE RINNOVIAMO LA NOSTRA STIMA ED IL NOSTRO AFFETTO, PERCHE’ QUESTE SONO LE BATTAGLIE CHE CI GRATIFICANO E CHE VOGLIAMO FARE!.

Archivi