Al Convegno di Fondi non si poteva dire tutto, ma sono emerse cose importanti e propedeutiche alla scoperta della verità. C’é tanto ancora da lavorare per disegnare il “quadro” delle responsabilità

AL CONVEGNO DI FONDI ABBIAMO RACCONTATO ALCUNI FATTI, RESE NOTE ALCUNE NOSTRE CONSIDERAZIONI, MA CE NE SONO DELLE ALTRE…
che danno il senso delle grandi “coperture” ad un “sistema” che va al di là delle cose note.
Come quelle che riguardano i nostri viaggi verso la Capitale ed i contatti con alcuni palazzi romani.
Fatti e considerazioni che esulano dalle vicende e dagli ambiti giudiziari, che, come si sa, non riescono quasi mai a giudicare il tutto, anche perché non tutto rientra nel campo del penale..
La Giustizia non può sostituirsi alla politica.
Non tutto assume una rilevanza penale, stando alla legislazione ed alle regole del nostro Paese.
Ci sono altri organi dello Stato che potrebbero svolgere, volendolo, un ruolo di ecologia morale ed amministrativa importantissimo, come ha dimostrato la Prefettura di Latina, gestione Frattasi.
E poi la Giustizia giudica sulla base delle carte e non sempre queste ci sono e si riescono ad acquisire.
Ci sono aspetti che percepisci attraverso i contatti, gli incontri, le chiacchierate e che solo le
persone in grado di “leggere” “dietro ” i fatti riescono a percepire.
Ammesso che ce ne sia la volontà.
La confidenza, lo sfogo, oppure, su altra sponda, la doppiezza, il tradimento delle promesse fatteti, le assicurazioni tradite, ti danno la contezza degli intrecci che annullano le diversità apparenti.
Quel senso di evanescenza nel quale tutto si confonde, fino a diventare la stessa cosa: il “sistema”.
Un “sistema” fatto di complicità, di connivenze, che solo delle menti acute e libere riescono a percepire e fanno dare una spiegazione al tutto.
Ma, per “capire”, devi stare mani e piedi “dentro” le situazioni, devi viverle, pur non essendone un protagonista diretto.
Quando noi diciamo che per fare il lavoro che facciamo noi DEVI essere un buon “osservatore”.
Devi sapere disegnare, insomma, quello che è il “quadro” generale.
E devi saper intuire il senso di quella vischiosità di un “sistema” che avviluppa quasi tutto e tutti.
E trarne le conclusioni.
C’è tanto, ma proprio tanto, da lavorare, se si vuole fare qualcosa di serio e di utile alla collettività.

Archivi