Al Capo dello Stato ed al Ministro degli Interni sulla situazione esistente nella Prefettura di Latina

On. Giorgio Napolitano
Presidente della Repubblica – ROMA

On. Giuliano AMATO
Ministro degli Interni – ROMA

E p. c.

On. Oliviero DILIBERTO – ROMA

On. Giuseppe SGOBBIO – ROMA

Sen. Salvatore BONADONNA – ROMA

OGGETTO: Prefettura di Latina

Più volte questa Associazione Regionale ha richiesto, senza avere ad oggi riscontro, l’intervento delle SS. LL. per mettere fine alla situazione oltremodo deplorevole esistente nella Prefettura di Latina.

Una situazione di cui si è occupata anche la stampa-oltreché i Parlamentari cui la presente è diretta per conoscenza- e che sta danneggiando in maniera irreversibile l’immagine ed il prestigio di questa Istituzione in una provincia, qual’è quella di Latina, devastata dalla illegalità e dalla criminalità organizzata.

Le continue discriminazioni di cui sono continuamente vittime alcuni bravi dirigenti che non si sono accodati alla” cordata “che gestisce la Prefettura hanno creato un clima di attriti che sta nuocendo all’immagine ed alla funzionalità dell’istituzione.

Tali discriminazioni, che si sono manifestate già con il trasferimento arbitrario del vice prefetto vicario Dott. Ingenito, si stanno perpetuando a danno di altri due vice prefetti ai quali proprio in questi giorni sono state notificate le valutazioni relative all’attività dirigenziale svolta nell’anno 2005.

A differenza di tutti gli altri colleghi, fra i quali uno costantemente in malattia, ai quali è stato espresso il punteggio massimo, ai due vice prefetti “ non allineati” sono state espresse nelle valutazioni, firmate dall’attuale Prefetto Pironti, pesanti ed ingiuste attenuazioni.

Ciò sicuramente determinerà, da parte dei dirigenti colpiti, il ricorso ad un’azione giudiziaria e, di conseguenza, un ennesimo, ulteriore svilimento dell’immagine della Prefettura di Latina.

Questa Associazione ripetutamente ha denunciato il clima di discriminazioni esistente in quel presidio dello Stato, clima che si è andato sempre più aggravando durante la gestione dell’attuale Prefetto.

Giova, inoltre, ricordare che la scrivente Segreteria ha richiamato l’attenzione del Ministro dell’Interno anche sull’inopportunità di continuare a tollerare il fatto che nella Prefettura di Latina, caso unico in Italia, ci sia un capo di gabinetto, nominato vice prefetto vicario dopo il trasferimento della Dottoressa Ingenito, da una trentina di anni.

Alla luce di tali fatti, rinnoviamo per l’ennesima volta l’invito a ripristinare negli Uffici in questione uno stato di legalità e di rispetto di tutte le persone e, nel contempo, a mettere fine, con l’assegnazione ad altre sedi degli attuali Prefetto e vice prefetto vicario, ad una situazione che sta arrecando danni incalcolabili all’immagine dello Stato nella provincia di Latina.

IL SEGRETARIO REGIONALE
DR. ELVIO DI CESARE

Archivi