Ad ognuno il suo ruolo. Le Associazioni antimafia facciano le Associazioni antimafia e le Istituzioni le Istituzioni.

QUA SI IMPONE UN CHIARIMENTO SUL

RUOLO CHE OGNUNO E’ TENUTO A

SVOLGERE

 

Non confondendo il grano con il loglio, la seta

con la lana, lucciole con lanterne.

Cominciamo subito con il dire -ancora una volta e

speriamo per l’ultima – che l’Associazione

Caponnetto è, sin dalla sua nascita, 15 anni fa

circa, un’associazione in certo qual modo ”

atipica” nel panorama dell’antimafia sociale del

Paese.

Noi, infatti, pratichiamo, insieme a pochissime altre

consorelle in Italia, un’antimafia

pratica, operativa, non parolaia, non

semplicemente commemorativa e festaiola, ma

tutta basata sull’INDAGINE, sulla

DENUNCIA, sulla PROPOSTA e sulla

COLLABORAZIONE con chi istituzionalmente è

chiamato a fare l’azione di contrasto alle mafie.

Essa, per tale sua azione di avanguardia, è stata

citata anche in qualche ordinanza di custodia

cautelare.

E di ciò andiamo fieri. perché ciò rappresenta il

riconoscimento autorevole della validità del

nostro lavoro.

Non chiacchiere, quindi, ma FATTI.

Non palcoscenico, ma un’azione quotidiana che

punta ad individuare i mafiosi, uno per uno e a

farli arrestare, oltre che privare dei beni

accumulati sul sangue della povera gente.

Quello che facciamo lo facciamo

gratuitamente, rimettendoci spesso di tasca

propria, perché non fruiamo, VOLUTAMENTE,

di finanziamenti da parte delle Istituzioni, di partiti

politici o privati.

Non abbiamo e né vogliamo convenzioni con

enti, ministeri e quanti altri in quanto riteniamo

che il prendere un solo euro da parte di

chicchessia ci priverebbe della libertà di agire e

di non guardare in faccia a chicchessia.

Paghiamo lo scotto anche in termini di

isolamento a causa della reazione di chi la

pensa ed agisce in maniera diversa, ma questo

non ci interessa perché ci sentiamo, intanto

, orgogliosi e, poi, LIBERI da tutto e da TUTTI

e, infine e soprattutto, stimati, apprezzati da chi sa

quello che facciamo ed è pulito.

Riteniamo che un’antimafia

seria, efficace, significativa si possa e si debba

fare così come la facciamo noi, LIBERI E SENZA

SCOPI DI LUCRO, FINALITA’ POLITICHE O

MANIE DI PROTAGONISMO.

In silenzio, con profonda umiltà e spirito di

servizio nei confronti della comunità delle

persone oneste.

Con persone

serie, motivate, disinteressate, informate, attente a

tutto ciò che avviene intorno ad esse – ed anche

oltre i propri confini territoriali – e pronte a

segnalarcelo tempestivamente.

Non ci interessano parolai, opportunisti, persone

che vogliano mettersi in

mostra, doppiogiochisti, giocolieri da

strapazzo, soggetti che hanno paura.

A noi servono COMBATTENTI.

L’antimafia del FARE e non delle

CHIACCHIERE.

Ma, attenti, non bisogna nemmeno confonderci

con un Patronato di assistenza personale

perché noi non siamo le Istituzioni e non

possiamo e vogliamo fare il lavoro che debbono

fare queste.

Anzi!

Noi siamo per combattere il putridume che

eventualmente dovessimo ravvisare anche in

esse, oltre che nei partiti politici e ci piace farlo

affrontando -e cercando di risolvere – i problemi

generali che riguardano – tanto per citare un

esempio – la mancata costituzione da parte del

Ministro degli Interni della Commissione

Centrale ex art.10 preposta alla soluzione delle

tematiche dei Testimoni e dei Collaboratori di

Giustizia e non quelli del singolo e basta.

Perché, risolvendo i problemi generali, si risolvono

anche quelli del singolo.

Questo è e vuole essere l’Associazione

Caponnetto.

E ci teniamo a ricordarlo a tutti perché se lo

mettano bene in testa quelli che non lo hanno

ancora capito o, peggio, fanno finta di non averlo

capito.

Archivi