A proposito dell’esaltazione della mafia durante una trasmissione di una tv spagnola

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO.E’ POSITIVO IL FATTO CHE QUALCUNO IN QUESTO PAESE CONTINUI AD INDIGNARSI PER AFFERMAZIONI DEL GENERE,MA QUANDO C’E’ UN MINISTRO DELLA REPUBBLICA CHE SOSTIENE CHE………CON LA MAFIA BISOGNA CONVIVERE,CHE SI ASPETTA?????????……………….D’ALTRO CANTO E’ VERO,PURTROPPO,CHE LA MAFIA E’ ENTRATA NELLA POLITICA E NELLE ISTITUZIONI !!!!….
NON BASTA,PERTANTO,INDIGNARSI. E’ NECESSARIO CHE I CITTADINI  ONESTI  COMINCINO  A FARE UN QUALCOSA DI  PIU’ CONCRETO AIUTANDO LE ASSOCIAZIONI ANTIMAFIA E DENUNCIANDO SITUAZIONI ,FATTI,COMPORTAMENTI SPECIFICI DI INSEDIAMENTI ED ATTIVITA’ DELLE MAFIE SUL PROPRIO TERRITORIO.DI QUESTO ABBIAMO  BISOGNO,ALTRIMENTI E’ SOLO RETORICA !!!!!!!!!!

“Ci viene riproposto tutti i giorni, il sig. Scattarella , come un mite, innamorato e verace uomo del sud, pieno di “valori”, dopo averlo pietosamente e Cristianamente “perdonato”, anche a nome dei telespettatori, per quella che voi considerate una lievissima “défaillance” ma che la maggior parte degli Italiani considera una bestemmia e senza aver tenuto minimamente conto del comportamento violento, prepotente, maleducato e volgare che ha tenuto per tutto il tempo della sua permanenza nella casa.
Infatti pare che oltre alla frase blasfema, Scattarella giorno 6 gennaio 2010 (ore 2,45 ) circa ha dato delle dichiarazioni molto offensive , mentre era al Gran Hermano, con partecipazione al discorso di Carmela .Siamo molto indignati all apprendere la maggior parte solo ora le dichiarazioni che il sig. Scattarella ha fatto in diretta dove ha offeso tutti gli onesti lavoratori dichiarando “I MAFIOSI ITALIANI SONO INTELLIGENTI, RIESCONO A INFILTRARSI OVUNQUE ANCHE IN POLITICA etc.” con un tono molto di vanto e della sig.na Carmela Gualtieri che invece di dissociarsi dalle dichiarazioni del sig. Scattarella, fa cenni e interviene quasi acconsentendo a tutto ciò che egli dice. (in questo video http://www.youtube.com/watch?gl=IT&v=q918Ruhf6BA)
Oltretutto dichiarazioni che alcuni già vi avevano denunciato e che nessuno ha preso in considerazione e lo testimonia una lettera postata su: http://forum.corriere.it/televisioni/0 7-01-2010/grande-fratello-spagnolo-litalia-descritta-dai-2-concorrenti-italiani-1444444.html mandata come potete vedere Giovedì, 07 Gennaio 2010 addirittura il giorno dopo.
Ma non finisce qui il tutto è stato censurato ad arte dal nostro “GF” italiano a testimonianza non c’era traccia di questo video in italia (difatti è da poche ore che circola su youtube e su facebook)
Purtroppo non finisce qui perché il sig. Scattarella ha dato altre dichiarazioni a quanto pare nel Gran Hermano che appena avremo disponibili faremo avere.
Abbiamo anche trovato una dichiarazione di uno dei concorrenti spagnoli inquietante nei confronti di Massimo “Yo no necesito pistola, tengo un arma química (pedos) que es más destructiva”, (trad. Io non necessito di una pistola come te… io ho un arma chimica piu distruttiva) dice Arturo a Massimo. Di cui lo stesso autore del sito commenta “Al parecer, el pitbull va siempre acompañado de una pistola.”(trad. “A quanto pare, il pittbull va accompagnato sempre da una pistola”) trovato su http://gente5.telecinco.es/blogs/granhermano24h-11/2010/01/06/.
Che vorrà dire?? CHE E’ UN MAFIOSO SCATTARELLA??? Una cosa è certa… noi ogni giorno che combattiamo contro l’ignoranza mafiosa, noi che ogni giorno andiamo a lavorare onestamente… CERTE AFFERMAZIONI FATTE IN UN PROGRAMMA PUBBLICO… ADDIRITTURA STRANIERO …. VANNO PUNITE SEVERAMENTE.
NOI E’ DA ANNI CHE COMBATTIAMO LA MAFIA IN ITALIA E NON POSSIAMO ACCETTARE CHE UN PROGRAMMA ROVINI LA “NUOVA FACCIA” ITALIANA.
Sicuri che anche secondo voi, soprattutto alla luce delle polemiche di questi giorni sull’argomen to scaturite dalla cronaca, non abbiano dato un’immagine edificante del nostro Paese per questo riteniamo opportuno che si faccia chiarezza sulla questione al più presto possibile in quanto cittadini italiani abbiamo il diritto di sapere e il dovere di combattere certa “ignoranza”.
Fatelo anche per giustizia delle povere vittime della mafia tra cui Paolo Borsellino e Giovanni Falcone che tanto hanno combattuto la mafia e che ancora nel 2010 ancora pare qualcuno il messaggio non lo abbia ricevuto.”

Archivi