A ME FA PAURA VIVERE IN QUESTA CITTA ‘.E CIO’ CHE MI FA PAURA NON E’ LA CAMORRA ( DELIO FANTASIA )

I preoccupanti silenzi della politica formiana sui fatti giudiziari legati alla camorra

Due questioni giudiziarie riguardanti fatti di camorra nella nostra città a distanza di poche ore:

  • La richiesta del procuratore generale nel processo d’appello per un’organizzazione mafiosa del Clan Bidognetti dedita alle estorsioni, la cui figura emergente è la formiana d’adozione Katia Bidognetti, da anni residente a Formia.

https://latinatu.it/clan-bidognetti-chiesti-due-secoli-di-condanna-per-estorsioni/?fbclid=IwAR2LPx5ayFaFUpeR_fkT35dy2lxcu-6tE1f6bEbT8wxQM8jZHsktaqSeJRc

  • La nomina del sindaco di Formia a tutore di Angelo Bardellino, secondo quanto disposto dal giudice tutelare dott.ssa Enrica Morena del Tribunale di Cassino in ragione dell’interdizione legale del medesimo Bardellino che comporta la perdita di disponibilità dei suoi beni.

https://latinatu.it/angelo-bardellino-interdetto-nominata-tutore-dei-suoi-beni-il-sindaco-di-formia/?fbclid=IwAR2UJ9Jd9VTsrZLALSHJn0W1sYh6VEE3yWZ5Z0dOn9KKuUEITKCudaLaxxU

Queste due vicende, che in una qualsiasi altra città “normale” avrebbero acceso un dibattito politico, perlomeno sull’ingerenza della criminalità organizzata nell’economie delle città, qui da noi sono passate totalmente inosservate, in particolar modo dai rappresentati politici locali e istituzionali che continuano a ignorare questo fenomeno derubricandolo a “meri episodi” scollegati con la realtà economica e sociale. Ecco allora come una buca stradale, un lampione rotto, un cespuglio d’erba per strada o un busta dell’immondizia abbandonata, diventano occasioni di scontro politico e motivo di indignazione eterodiretta, con valanghe di comunicati stampa, interrogazioni consiliari e tanta tanta indignazione, mentre dinanzi a circostanze gravissime, come fatti di camorra, nessuna forza politica sente la necessità e l’urgenza di esprimere considerazioni e valutazioni. Segnalare un pass per parcheggio usato impropriamente o un’auto parcheggiata illegalmente in uno stallo per disabili, diventano LEGITTIMI richiami alla legalità, al rispetto delle regole e alla correttezza, mentre notizie di fatti giudiziari legati alla camorra non vengono condivise e commentate. Come se tutto fosse normale.

A me fa paura vivere in questa città. E ciò che mi fa paura non è la camorra.

Delio Fantasia

fonte:formiacittaperta@gmail.com

Archivi