Usura, poche denunce

Latina Oggi – Giovedì 9 Febbraio 2006

 

 

Le facce di un fenomeno sempre più radicato sul territorio e difficile da estirpare
Usura, poche denunce

La «paura» di chiedere, la Provincia ha attivato un numero verde

 

Il capo della Procura Giuseppe Mancini lo aveva sottolineato con fermezza. Quasi a voler trasformare quelle parole in una scossa per chi è ancora indeciso e tentenna sul primo passo da fare. «Ancora ci sono poche denunce per usura». Un segnale, l’ennesimo, capace di affossare un’economia malata e inquinata dalla criminalità. Il Procuratore mentre tracciava il bilancio di fine anno, era stato fin troppo esplicito su questo fenomeno. Una testimonianza diretta, l’ennesima, lo specchio della situazione che continua ad esserci in provincia e nel capoluogo. I numeri così miseri, localizzano ancora una volta, la dimensione imprevedibile del fenomeno usura. Concetto ribadito dal comandante provinciale della Guardia di Finanza Fernando Verdolotti. «In città è presente» aveva detto l’alto ufficiale. Nel 2005 appena due persone sono state denunciate perché applicavano un tasso di interesse del 240 per cento. La punta di un iceberg, la conseguenza delle denunce che sono state presentate dalle vittime degli usurai, le uniche che hanno preso coraggio. E sono pochissime. Così come i procedimenti che sono stati portati avanti con le relative assistenze per quegli imprenditori rimasti vittime degli strozzini e che hanno potuto contare sul programma di «recupero» garantito dalla Prefettura si tratta dell’assistenza. Anche in questa circostanza il numero è esiguo. L’iter a cui si accede dopo una denuncia presentata agli organi di polizia è ben preciso. Nell’ultimo anno i casi si contano sulle dita di una mano, appena quattro. L’Amministrazione Provinciale di Latina da gennaio ha iniziato una martellante campagna pubblicitaria, un progetto insieme all’associazione Wanda Vecchi per fronteggiare e contrastare il fenomeno. Un numero verde 1’800.01.38.05 che rappresenta sempre una linea aperta per poter denunciare e fare il primo passo.

 

 

 

 

Archivi