Questore di Brescia,chieda scusa a Luigi Bonaventura!!!!!!!!

ASSURDO!!! MA COME FUNZIONANO LE COSE IN ITALIA, CARO MINISTRO ALFANO?
COLLABORATORE DI GIUSTIZIA ARRESTATO E SUBITO RILASCIATO
Luigi Bonaventura, collaboratore di giustizia, anziché essere tutelato viene arrestato.
Dopo 5 ore, però, viene rilasciato dopo che la Questura di Brescia ha contattato la Magistratura calabrese.
Andato a Brescia per una conferenza sulla legalità, la mattina presto in albergo viene prelevato dagli agenti della Questura come un boss latitante.
Ma come funzionano i terminali della Polizia di Stato? Possibile che Luigi Bonaventura sia ancora schedato come latitante quando, invece, è da tempo un Collaboratore di Giustizia???
Ministro Alfano, può darci una risposta al riguardo???
Questo Stato patrigno. “Mazziato e curnuto”, si dice in dialetto napoletano: senza un minimo di protezione ed addirittura arrestato come boss latitante!!!
Questore di Brescia: faccia aggiornare gli archivi e chieda scusa a Bonaventura.
Ministro Alfano: chieda scusa a Bonaventura e lo faccia inserire, insieme alla famiglia, nel sistema di protezione.
Luigi, ci tenga informati.
Un cordiale saluto e grazie per quello che fa per la Giustizia
ASSOCIAZIONE CAPONNETTO

Archivi