Il prefetto di Latina Bruno Frattasi dopo il “caso Fondi”: serve un grande patto con gli enti locali

“Serve un grande patto di trasparenza con le Province e gli Enti locali che ci staranno per avere garanzie di trasparenza in tutti i passaggi amministrativi e gli ambiti delicati dentro i quali può trovare spazio l’infiltrazione mafiosa”. Lo ha proposto il prefetto di Latina Bruno Frattasi nel corso della conferenza stampa promossa dall’assessore alla sicurezza della Regione Lazio Daniele Fichera sull’uso sociale dei beni confiscati alla mafia.
Secondo Frattasi l’iniziativa della Regione Lazio di finanziare comuni e associazioni per la ristrutturazione dei beni confiscati alla mafia “é importante perché dà il senso di quanto può essere forte lo Stato quando lavora in sinergia” e in questo caso l’aspetto interessante è che “si guarda all’utilizzazione finale del bene confiscato”. Anche questo – ha detto “serve a sconfiggere l’immagine di impunità verso i criminali”.
E, riferendosi all’ultima operazione che ha travolto il comune di Fondi (Lt) con 17 arresti tra funzionari del comune pontino ed ex amministratori, ha messo sotto accusa “una certa disinformazione precedente all’intervento ‘non cruento’ delle forze dell’ordine che tendeva a far passare il messaggio che una trattativa era in corso. Lo Stato – ha detto – non
tratta”.

(Tratto da www.provincialatina.tv)

Archivi