Governatore Lombardo indagato a Catania per associazione mafiosa

“Il governatore della Regione Sicilia, Raffaele Lombardo, e suo fratello Angelo sono indagati a Catania con l’accusa di ‘concorso esterno in associazione mafiosa”. Lo scrive oggi il quotidiano la Repubblica. La decisione – aggiunge il quotidiano – è stata presa dalla procura etnea sulla base di un corposo rapporto di tremila pagine consegnato dai carabinieri dei Ros. Il dossier, all’esame del Procuratore della Repubblica, Salvatore D’Agata, fa riferimento alle relazioni tra il governatore e il fratello, deputato nazionale, con alcuni boss”. Il documento, in mano al procuratore Salvatore D’Agata, farebbe riferimento “alle relazioni tra il governatore e il fratello, deputato nazionale, con alcuni boss di Cosa nostra”. E ancora “nel faldone top secret – si legge nel quotidiano – spiccano le rivelazioni di un pentito e le intercettazioni telefoniche e ambientali che documenterebbero i contatti tra il capo assoluto della mafia catanese, Vincenzo Aiello, e i fratelli Lombardo. Con loro sono indagati anche un deputato regionale dell’Udc, Fausto Fagone, il sindaco di Palagonia, altri sindaci di comuni catanesi, numerosi amministratori comunali e provinciali, che sarebbero stati eletti grazie al ‘massiccio’ appoggio ed ‘impegno’ delle cosche mafiose del clan storico di Cosa nostra che faceva capo a Nitto Santapaola e che ora è capitanato da Vincenzo Aiello”.

(Tratto da Virgilio Notizie)

Archivi