Bertini non agevolò il clan Polverino, così ha deciso la Cassazionea

Bertini non agevolò il clan Polverino, così ha deciso la Cassazionea

23 Luglio 2020

Di amministratore

Annullata l’aggravante speciale di aver favorito una organizzazione mafiosa. La Suprema Corte di Cassazione ha accolto il ricorso dell’avvocato Ivan Filippelli, difensore di fiducia dell’ex sindaco di Marano Mauro Bertini, ex esponente del partito della Rifondazione comunista, finito in una inchiesta fatta di presente storie di corruzioni e camorra nell’area nord di Napoli.

Per gli inquirenti napoletani il l’ex sindaco avrebbe favorito il clan mafioso dei Polverino. Ricorso rigettato, invece, nei confronti di Angelo Simeoli, meglio noto come “Bastone”. La Cassazione ha annullato questo reato e confermato quello di corruzione in concorso. Bertini affronterà a settembre la seconda udienza del processo che si celebra a Napoli nord questa volta senza l’aggravante di aver agevolato un clan mafioso. Soddisfazione è stata espressa dall’avvocato Ivan Filippelli, legale di Bertini. “Totale fiducia nel lavoro nella Suprema Corte di Cassazione”.

Fonte:https://www.juorno.it/

Archivi