Queste contenute nell’ interrogazione parlamentare dell’On.Colletti sono le direttrici di marcia che l’Associazione Caponnetto dovrà seguire a Formia ed in tutto il Basso Lazio.Alla situazione esposta vanno aggiunti i due episodi verificatisi in questi giorni a Formia:l’invio di pallottole alla poliziotta ed il messaggio minaccioso scritto su una tovaglia di un tavolo di un locale pubblico sempre a Formia.Va tenuto presente che né il Presidente del Consiglio ,né i Ministri dell’Interno e della Giustizia si sono degnati ,ad oggi ,di rispondere all’interrogazione che,peraltro,é stata sollecitata per ben due volte,ad aprile e ad ottobre del 2014..Gli iscritti all’Associazione Caponnetto sono tenuti,pertanto,a battere da oggi in avanti solamente sugli argomenti esposti,argomenti che,se non verranno risolti,renderanno vana ogni azione contro la criminalità organizzata non solo a Formia ma in tutto il Basso Lazio.

Ti potrebbe anche interessare...