Il Procuratore Capo di Napoli Colangelo ascoltato dalla Commissione parlamentare antimafia sulla sparizione della pen drive nel covo di Zagaria.”Attenti,egli ha detto fra l’altro,prima di attribuire patenti di legalità e massima attenzione anche ai lavori di “somma urgenza”Il caso dell’ex senatore Diana e di imprese della camorra che tentano di nascondersi dietro associazioni antiracket per darsi un’immagine di verginità- Ritorna sempre la questione della falsa antimafia.Ecco perché ,per dare un riconoscimento di rappresentanza ad una qualsiasi associazione,é necessario pretendere che questa scelga come strumento di lotta alle mafia la strada dell’INDAGINE e della DENUNCIA,nomi e cognomi.Di chi non DENUNCIA e si sporca le mani,esponendosi davanti a tutti,bisogna diffidare.

Ti potrebbe anche interessare...