Formia / Giovane pestato a sangue dal branco, è caccia ai tre aggressori..Il clima di violenza e di illegalità esistente a Formia ed in tutta la provincia di Latina diventa sempre più insopportabile mentre lo Stato resta a guardare.Inerte. Di fronte ad una criminalità mafiosa e criminalità comune in continua espansione e che rendono invivibile questo territorio ci si aspetterebbe una reazione forte da parte di tutti coloro che dicono di rappresentare e di difendere la legalità e la Giustizia,a cominciare dalla classe politica e dalla stessa società civile,che ,invece,restano fermi senza far nulla di efficace e di risolutivo. per debellare questi fenomeni .L’istituzione a Formia di un Osservatorio Comunale contro la criminalità,da noi dell’Associazione Caponnetto proposto e fortemente voluto,avrebbe dovuto,secondo le nostre intenzioni,rappresentare uno strumento prezioso ed insostituibile per affrontarli e proporre in maniera determinata le soluzioni.Lo si é voluto ,invece,ridurre ad una sorta di instrumentum regni che vola basso. Ne siamo usciti delusi ed amareggiati dopo aver dovuto,purtroppo, constatare per l’ennesima volta che non si vuole che certe cose cambino.Anche tutto ciò é frutto di quel “patto” fra camorra e pezzi dello stato che sarebbe stato stipulato “in una villa di Gaeta” e del quale hanno parlato alcuni giornali campani tempo fa -ed ancora più recentemente – alcuni parlamentari sia del Senato che della Camera di origine grillina ?

Ti potrebbe anche interessare...