Eminenza,apprezziamo quanto lei dice e sta facendo la Chiesa con Francesco,ma la esortiamo ad andare oltre ,considerata la gravissima situazione del Paese dove ormai le mafie spadroneggiano.Spinga tutta la comunità ecclesiale,dal primo all’ultimo, a non limitarsi a condannare le mafie con le parole ma,al contrario,con atti concreti,denunciando all’Autorità Giudiziaria,nomi e cognomi,tutti coloro che sono in odor di mafia.Ormai le parole non bastano più e la Chiesa può svolgere un ruolo decisivo nella lotta alle mafie ed alla corruzione.

Ti potrebbe anche interessare...