Che le pale eoliche siano passate dal porto di Gaeta risulta anche a noi dell’Associazione Caponnetto perché abbiamo fatto delle verifiche e ci è stato riferito che dal 2010 al 2012 c’é stato un intenso traffico in entrata ed in uscita. Ma non siamo in grado, essendo questo un compito che spetta agli investigatori istituzionali, di dire da chi era gestito tale traffico ed a chi erano dirette le pale. Presumiamo che DDA e DIA siano già al lavoro per verificare se e quanto il Porto di Gaeta sia coinvolto nella vicenda Nicastri-Mattia Messina Denaro. In passato ci sono state, sì, voci inquietanti quali la presenza di un’impresa riconducibile ad un familiare di Riina o presunti traffici di armi e, perciò, riteniamo che sia assolutamente necessaria un’estrema e costante vigilanza sulle attività dei due porti più importanti del Lazio, peraltro gestiti dalla stessa Autorità portuale, quelli di Gaeta appunto e di Civitavecchia. Il servizio che sotto riproduciamo è di H24, il quale, a sua volta, riproduce un articolo del quotidiano Latina Oggi. Chiediamo agli organismi investigativi e giudiziari competenti di verificare appieno la fondatezza o meno di quanto in esso contenuto.

Ti potrebbe anche interessare...

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.