CGIL: le mafie a Roma e nel Lazio, un problema nazionale”. Sarebbe ora di affrontarle con determinazione, ma fino a quando il Ministro dell’Interno tollera la permanenza a Viterbo di suoi dipendenti che ne negano, o quanto meno ne minimizzano, l’esistenza, macineremo sempre aria fritta. Lo abbiamo detto e lo ripetiamo: non siamo soddisfatti del comportamento della Prefettura di Viterbo. Il Ministro intervenga e riveda tutti gli assetti di quegli Uffici”

Ti potrebbe anche interessare...

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.