Al primo posto, in una provincia com’è quella pontina assediata dalle mafie, dovrebbe esserci la lotta alla montagna di capitali sporchi che sono stati investiti e continuano ad essere investiti ogni giorno nell’edilizia, nel commercio, nelle compravendite di terreni ed immobiliari, nella ristorazione, nei locali del tempo libero e delle scomesse, negli appalti e nei subappalti pubblici e privati ormai tutti o quasi nelle mani di imprese campane e così via, nei rapporti fra politica, istituzione e mafiosi

Ti potrebbe anche interessare...

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.