Riscossione Sicilia, Fiumefreddo all’Antimafia: dai miliardi non incassati agli appalti irregolari

Riscossione Sicilia, Fiumefreddo all’Antimafia: dai miliardi non incassati agli appalti irregolari

L’ Amministratore unico ha raccontato di una «realtà interna alla Sicilia veramente impensabile» e di «battaglie con alcuni deputati regionali insolventi, e non perseguiti, anche per importi milionari

15/02/2017

Roma - Tutti gli appalti in Sicilia sono irregolari; negli ultimi 10 anni nell’isola non sono stati riscossi 52 miliardi di euro, persino i deputati regionali sono debitori per milioni; un cinquantenne, messo a capo di un costituendo Ufficio grandi evasori, nel 2015 si è suicidato e le piattaforme petrolifere che operano in Sicilia hanno negato l’accesso all’ufficio Riscossione che, fino a qualche tempo fa, non ha mai chiesto loro di pagare il dovuto. E’ un quadro devastante quello che oggi ha fornito, davanti alla Commissione parlamentare Antimafia presieduta da Rosy Bindi, l’amministratore unico di Riscossione Sicilia, Antonio Fiumefreddo. Gran parte dell’audizione è stata secretata ma già quello che è emerso è apparso molto grave.
«Abbiamo segnalato alla Regione che in Sicilia gli appalti pubblici, qualunque sia la stazione appaltante, si tengono con autocertificazioni relative alla cosiddetta regolarità fiscale. L’Anac ha precisato che l’aggiudicazione provvisoria va sospesa fintanto che l’aggiudicatario non si mette in regola col fisco. In Sicilia non è mai pervenuta una sola istanza all’esattoria di regolarizzazione fiscale, sono tutte autocertificazioni. Abbiamo preso un campione: sono tutte false», ha detto l’amministratore unico, al quale Ance ha replicato, «non è vero: ogni stazione appaltante prima di pagare le fatture emesse dalle imprese, dopo l’esecuzione dei lavori o per stati d’avanzamento, chiede l’attestato di regolarità fiscale a Equitalia, come avviene per legge nelle altre parti d’Italia». L’audizione è scaturita da una nostra inchiesta.

Fiumefreddo ha poi fornito cifre impressionanti: all’atto del suo insediamento Riscossione Sicilia, che avrebbe dovuto incassare 5 miliardi e 700 milioni l’anno, riusciva ad incassare solo 480 milioni ovvero l’8% di quanto avrebbe dovuto riscuotere; ora quella percentuale è salita al 14% «ma siamo lontanissimi da quella che dovrebbe essere la raccolta vera». E la percentuale dell’8% diventava ancora più scandalosa man mano che si saliva di reddito: per chi dichiarava più di mezzo milione di euro la riscossione era ferma al 3,66%. Riscossione Sicilia, che nel 2015 aveva 887 consulenze su 700 dipendenti, assunti al 75% per chiamata diretta, negli ultimi 10 anni non ha riscosso 52 miliardi di euro. Di questi, 22 miliardi sono ancora non prescritti, ma «ci siamo imbattuti in resistenze fortissime e i maggiori debitori sono i comuni, in testa Catania con 19 milioni, poi Messina, Siracusa e ultima Palermo».Non solo loro però: i grandi evasori sono tra le categorie dedite a ortofrutta, onoranze funebri, appalti, carni,«settori infiltrati tradizionalmente da Cosa Nostra, alcuni nomi sono famigerati e in testa alle evasioni ma nessuno li ha mai cercati». A Trapani la Riscossione da più di 15 anni non riesce a nominare un responsabile, «all’ultimo hanno puntato la pistola e lasciò l’incarico». Fiumefreddo ha poi riferito che è stato chiesto ai titolari delle piattaforme di estrazione di mostrare se avessero versato le tasse, «nessuno aveva mai chiesto loro di pagare. Quando abbiamo chiesto l’elenco delle piattaforme ci è stato risposto che non c’è. Dall’indomani non hanno consentito ai nostri ufficiali esattoriali di entrare nelle piattaforme petrolifere». E quando ha chiesto di centralizzare l’Ufficio grandi evasori, ed ha messo come responsabile dell’ufficio un dirigente di 50 anni, Mario Capitani, questi, nel luglio del 2015, si è suicidato «dopo avermi mandato messaggi in cui diceva di aver scoperto cose molte gravi». Dopo quella morte, nessuno ha voluto occuparsi di quell’ufficio.«In Commissione Antimafia ho ricostruito i rapporti tra massoneria, mafia dai cugini Salvo ad oggi, nell’ambito della riscossione dei tributi, che non ha soluzione di continuità». «C’è un sistema – ha spiegato – per il quale il poveretto paga mentre si tendono a salvaguardare i grandi capitali. Occorre ripulire la macchina ma bisogna avere la volontà di farlo altrimenti non ho motivo di restare. C’è stata e c’è una gestione opaca e si devono trovare gli strumenti per cambiare».

fonte:http://www.lasicilia.it


.
Archivi