Riceviamo e pubblichiamo la nota a firma del Testimone di Giustizia Gennaro Ciliberto:

con la preghiera di pubblicazione

> Alla Redazione della Testata giornalistica
> La Stampa
> Al Direttore
>
> Chiediamo la correzione dell’articolo a firma Giulio Gavino poiché diffamatorio nei confronti della figura del testimone di giustizia con status in base alla legge 45/2001.
> Ci risulta che la persona citata in articolo non è un testimone di giustizia mai un collaboratore di giustizia,siccome la differenza tra le due figure è enorme Vi Chiediamo di pubblicare il comunicato sottostante e di rettificare il titolo .
> Cordiali Saluti
> Ciliberto Gennaro
> testimone di giustizia
> 3318306262
>
> In qualità di testimone di giustizia in base alla legge 45/2001 dico basta a questa  confusione.
> In un momento così delicato come quello dell’approvazione della legge 3500 Bindi promossa e voluta dal Deputato on.Mattiello questi titoli di giornale mettono confusione.
> Chiediamo al giornalista della Stampa di documentarsi sullo status del soggetto citato nell’articolo e di correggere il titolo.
> Se la stampa sbaglia ci sarà un motivo?
> Noi testimoni di giustizia esigiamo rispetto e ribadiamo che siamo persone per bene che hanno reso un servizio allo stato.
> Inoltre spero che il Servizio Centrale di protezione intervenga su queste figure che troppo spesso si autoproclamano testimoni di giustizia senza averne diritto .
> Ho Sentito Ignazio Cutro’ presidente dell ANTDG il quale chiede chiarezza e una presa di posizione da parte delle autorità preposte a qualificare un testimone di giustizia come tale.
>
> Ciliberto Gennaro
> testimone di giustizia

Archivi